EVC CSGO - Endgame

EVC CSGO - Endgame

Emozioni a non finire hanno reso indimenticabili la due giorni dedicata ai playoff dell' ESL Vodafone Championship di CSGO e ora sono noti i nomi dei due team finalisti - sarà un Endgame coi fiocchi!

Si gioca al meglio delle 3 mappe (BO3), tutti i match sono ad eliminazione diretta e ci sono giusto due posti per i sei team rimasti in corsa. Anche sulla carta, i playoff dell'edizione ESL Vodafone Championship 2019, promettevano spettacolo ma quello che è andato in onda ha sorpassato ogni aspettativa.

Ad inaugurare le danze è il quarto di finale tra

OutPlayed e CSItalia.

Poteva essere il match più scontato della settimana e invece, nemmeno tempo di partire, che il primo colpa di scena è servito.

Nel riscaldamento phizy riscontra dei problemi e non potrà prendere parte a dust2 (prima mappa della serie). Privati di uno dei propri trascinatori, gli OutPlayed si trovano costretti a partire con Fisic0, storico coach del team.

Per i CSItalia diventa un'occasione ghiotta e complice un po' di comprensibile nervosismo da parte degli OP, i CSI si portano avanti per 1-0.

Tocca ora ad overpass e con le spalle al muro, ma la formazione tornata al completo, sono gli OP a a ricevere una sorpresa. Eccessiva sicurezza o semplicemente un carico troppo pesante da sopportare, i CSI sbagliano un paio di round che si dimostreranno fondamentali e allora 1-1 e tutto rimandato alla terza e ultima mappa.

Su inferno non c'è stata storia, vincono dei ritrovati OutPlayed facendo dimenticare la partenza di serata da incubo.

Per i CSItalia resterà l'amaro in bocca per aver perso un match che per diversi tratti è sembrato alla portata ma hanno lottato con tutte le loro forze aggiudicandosi una top6 senza affanni.

L'altro quarto di finale era il rematch della finale winter 2018 tra GameZone e CyberGround.

Una sorpresa visto che nessuno si aspettava queste posizioni di classifica, con entrambi i team che non sono riusciti ad esprimere il massimo durante la fase a gironi.

Non la partenza che si auguravano i CyberGround che raramente riescono a contenere i GameZone nell'avvio di dust2. È un tesoretto importante di round quello accumulato dal team campione in carica e nonostante un tentativo di reazione è 1-0 proprio per i GZ.

Vietato ripetere il solito errore e i CGG, a loro agio o così sembrava, tentano di prevalere su inferno ma la tensione della sconfitta e il contraccolpo psicologico della prima mappa sono in agguato.

Al primo errore, una piccola sbavatura, i GameZone non perdonano e il match si trasforma in una passerella per loro.

Intensità e stile di gioco incredibile il re è tornato a reclamare ciò che è suo di diritto.

Escono dunque di scena i CyberGround, che in una stagione tortuosa e senza mai trovare stabilità interna , raggiungono l'obbiettivo minimo della top6 (va ricordato che a metà stagione erano nelle ultime posizioni) senza uscirne troppo svalutati.

Le semifinali partono con HSL vs OutPlayed che non è un match per deboli di cuore. Si inizia su mirage e dopo pochi round Epic accusa problemi di linea ed è costretto a lasciare il campo per diversi minuti. Inizia a circolare la voce che per regolamento se un giocatore non rientra entro 10 minuti sul server la mappa va agli avversari a tavolino. Sono momenti agitati e ricchi di tensione ma alla fine tutto risolto o quasi.. è il turno dei problemi di linea per lordbyron.
Dopo l’ennesima (per fortuna) ripartenza sono proprio gli OP ad avere la meglio e ad aggiudicarsi la mappa scelta da loro dopo un vai e vieni di round in cui nessuno sembrava prevalere 

Su dust2 gli HSL rialzano la testa e partono con sei round consecutivi ma anche per il team con più settimane in testa alla classifica arriva un calo. Bravi gli OP a sfruttarlo e a riportarsi sotto ma tra errori e un po' di stanchezza sono gli HSL a strappare un 16-14 al cardiopalma.

La classica terza mappa per eccellenza, inferno, non lascia dubbi su chi ha il pool di mappe più completo; gli OutPlayed non riescono ad entrare in partita e gli HSL si aggiudicano il primo dei due posti alla finale.

Una stagione salvata con i cambi giusti per gli OP, ma il vizio di non riuscire ad approcciare le partite con il piede giusto e i troppi round di pistole persi, sono una sentenza. Rimangono una realtà stabile nelle posizioni di vetta.

 


L'ultimo match online di questa stagione è per molti avvertito come una finale mancata: Qlash Forge Academy vs GameZone.

Su dust2 i Q4G strappano un round di pistole che fa ben sperare ma nemmeno il tempo di crederci che i GZ ribaltano tutto aggiudicandosi nove round consecutivi. Veto perfetto quindi per i GameZone che senza andare mai in reale difficoltà e a tempo di record, sono già 1-0.

Per caratteristiche e per esperienza maturata sul campo, i Qlash Forge Academy, hanno in nuke la mappa perfetta per continuare a crederci ma diventa una serata da incubo in pochi minuti. Non sazi dalla prima mappa, i GZ ripartono stile “rullo compressore” andando a creare un parziale di 10-0 in loro favore. La reazione dei Q4G è stata entusiasmante da seguire, non era scontato arrivasse e forse al loro posto molti avrebbero rinunciato fin dal principio, ma il match è ormai fuori portata. Ci provano e pure loro ne fanno 9 di round consecutivi ma pazientemente i GameZone aspettano un errore che arriva al ventiseiesimo round sancendo la seconda finale nelle ultime due edizioni.. dei fenomeni!
Ai Qlash Forge Academy resta la consapevolezza di aver fatto una stagione da protagonisti nonostante le incertezze sul nuovo progetto e la necessità di trovare la giusta alchimia. Magari contro altri avrebbero anche potuto vincere.

Sarà HSL vs GameZone la finale LAN a Milan Games Week, come pronosticato da molti ad inizio di questa avventura cominciata a Maggio. Il percorso dell'Esl Vodafone Championship avrà il suo culmine a Settembre ma tra una tintarella e un castello di sabbia non perdete d'occhio i social, perché a breve sarà pubblicata la location di questa finale da urlo.

Close Menu