Brawl Stars Atto III: la prova del nove, esport mobile

Brawl Stars Atto III: la prova del nove, esport mobile

Prosegue il dominio incontrastato delle prime quattro che allungano ancora di più in classifica, annulla le speranze delle avversarie di arrivare ai playoff di questo primo campionato dell'esport mobile per antonomasia, Brawl Stars.

Se la seconda settimana di sfide aveva fatto intuire quali fossero le distanze tra le prime quattro e le ultime quattro, il terzo Playday dell’ESL Vodafone Championship di Brawl Stars ha confermato le indicazioni riscontrate finora, incrementando addirittura la spaccatura che già si era formata. Qlash Forge, Outplayed, Mkers e Outsiders - Beat Gaming non solo continuano a vincere ma convincono sul profilo delle prestazioni offerte che si rispecchiano adeguatamente in un preciso fattore: tutte vincono le partite per 2-0. Per la seconda settimana consecutiva nessuna delle quattro sfidanti secondarie, perché è ormai chiaro che non possono essere definite protagoniste di prima classe, è riuscita a strappare almeno un set alle prime quattro.

Il che significa anche che continuiamo raramente ad assistere a partite su Ricercati, la modalità che si giocherebbe come decisiva nelle partite alla meglio delle tre. Finora, tuttavia, ce n’è stato bisogno solo due volte su dodici: una statistica impressionante che fa capire quale sia la reale distanza fra le otto squadre che stanno disputando due campionati separati. 

I risultati del Day 3 dell’EVC Brawl Stars: ancora una volta tutti i match sono terminati 2-0 in tutti i match disputati.

Mkers e Outplayed si trovano attualmente in prima posizione in classifica in virtù della differenza mappe: ancora nemmeno una mappa, intesa come modalità, è stata persa per loro, mentre Qlash Forge e Outsiders ne hanno concessa solo una nella giornata di apertura. Chiudono ancora a zero punti tutte le altre: Manguste Esports, Astron Racoon, Totem Esports e Clash2It

Un altro fattore che colpisce è anche la rapidità con cui in questa settimana si sono chiuse le partite. In particolare Outsiders vs Racoon e Qlash Forge vs Manguste sono state sfide che hanno sancito in modo inequivocabile la superiorità dei rispettivi primi dell’incontro. Segnali di vita sono invece arrivati da Clash2It, vittoriosi nella seconda mappa su Arraffagemme contro gli OP, e dai Totem Esports che hanno strappato la stessa seconda mappa ma questa volta ai Mkers. Due leggere sbavature delle prime in classifica che tuttavia hanno anche mostrato come su Footbrawl sia praticamente impossibile superarli: per loro un doppio 2-0 che mette fine a qualsiasi dubbio.

La classifica attuale del campionato: quattro squadre sono ancora a zero punti.

Sabbia ovunque, anzi no. Analizzando le statistiche settimanali dei brawler Mister P perde il suo primato quotidiano, nonostante venga bannato due volte, in favore di Sandy che è di fatto il brawler più bannato del Day3 con il 37,50% delle (non) preferenze da parte dei team. In particolare a escluderlo dalla possibilità di essere selezionato sono stati Mkers, Clash2It e Totem Esports. Una novità rispetto al Day2 in cui Sandy non aveva ricevuto alcun ban, mentre due settimane era stata eliminata per ben due volte. Un ritorno anche per i Mkers che, dopo averlo bannato nel match d’esordio contro gli Astron Racoon, si ripetono contro i Totem Esports senza sapere che lo stesso avrebbero fatto gli avversari. Per i Clash2It è invece una novità assoluta: dopo due ban consecutivi riferiti a Mister P, cambiano rotta e preferiscono togliere un po’ di sabbia dalla mappa. 

Le statistiche in merito a Sandy, brawler leggendario.

Più che il tipo di attacco, ad attirare le attenzioni dei ban su Sandy è  indubbiamente la sua suprema che permette di rendere invisibili sé stesso e i suoi alleati: un’abilità di utility che aiuta l’intera squadra a posizionarsi, o riposizionarsi, nel modo migliore per affrontare gli avversari.

In cima a tutti rimane statisticamente Mister P il più odiato, con Sandy e Maxine che ormai inseguono a ruota, distanziati da meno di nove punti percentuali. Tick, che finora aveva sempre ricevuta almeno un ban, per la prima settimana è immune e rimane totalmente disponibile per qualsiasi squadra. Chi lo aveva temuto di più finora erano stati i Qlash Forge che per la terza giornata decidono di cambiare obiettivo e passare a Eugenio

Tutti i brawler bannati finora.

Due archi is megl che one. Lato mappe la statistica più interessante di oggi riguarda Arco Doppio che si conferma dopo tre giornate la mappa più scelta dalle squadre con il 32% di preferenze: in sostanza più di una mappa ogni tre su Arraffagemme si gioca su Arco Doppio. A preferirla di più sono i Mkers che l’hanno sempre scelta in ogni singola partita disputata. La seconda si conferma essere Miniera Rocciadura con sei pick. Queste due insieme rappresentano quasi il 60% delle mappe giocate: una statistica che relega le altre a un ruolo da comprimarie.

Unica eccezione è forse rappresentata da Antro Velenoso, ancorata al 16% di preferenze con 4 pick, terza come scelta. Il dato diventa interessante se si sommano queste tre mappe: il totale raggiunge quota 75%. Tradotto: in ogni playday, avendo quattro partite, solo una non si gioca su Arco Doppio, Miniera Rocciadura o Antro Velenoso, nonostane le numerose mappe a disposizione su Arraffagemme.

È Arco Doppio la mappa più scelta in assoluto su Arraffagemme. Campetto quella su Footbrawl.

Menzione finale per Campetto, la preferita su Footbrawl in modo più o meno eterogeneo da tutte le squadre: domina la classifica delle più scelte con il 31,82% delle preferenze. Un dato che vale più di Arco Doppio, nonostante sia inferiore in termini assoluti, in quanto la percentuale è raggiunta su un numero decisamente più vario di mappe utilizzate in totale: dieci contro le sei di Arraffagemme.

La qualità a prova di Covid19. Lo spettacolo di Brawl Stars torna martedì 17 marzo, ore 20:30, con il consueto racconto dei caster che ci stanno accompagnando in questa competizione: Nemos e Gigi. Questa settimana ancora più che nelle precedenti è doveroso un plauso a loro e alla production delle nostre ESL Italia e ProGaming Italia, capaci di riuscire a intrattenere il pubblico mantenendo la qualità a cui siamo abituati nonostante il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, proclamato al fine di limitare il contagio da Covid19 sul territorio italiano, e le relative conseguenze derivanti dalle disposizioni di attuazione. Come, ad esempio, l’obbligo di mantenere una distanza di sicurezza di 1 metro, sia nei luoghi pubblici che nei luoghi di lavoro. L’azienda ha sposato in pieno tali direttive consentendo a un solo caster di essere presente in studio, mentre l’altro, in questo caso Nemos, è rimasto a casa a commentare in diretta le partite, in modo da garantire la salute e la sicurezza non solo sua e dell’altro caster Gigi ma dell’intero studio di produzione, lasciando intatti gli standard di qualità.

Gli appuntamenti della quarta giornata
Close Menu