ESL Vodafone Championship di CSGO: primi verdetti

ESL Vodafone Championship di CSGO: primi verdetti

Si è concluso ufficialmente il girone A di ESL Vodafone Championship Spring 2020 con HSL, Elites ed ExAequo ufficialmente qualificati ai playoff e gli eMMe che invece salutano definitivamente la competizione.

Una serata piena di colpi di scena e risultati non pronosticati, hanno acceso l’ultimo appuntamento con il girone A di ESL Vodafone Championship Spring 2020.

La sfida tra HSL vs Elites era attesa per molti motivi a partire dalla voglia di capire i reali valori in campo di due probabili protagonisti di questa stagione.

Campioni in carica e con nomi da capogiro, gli HSL avevano dimostrato fin qui di non essere i re della savana come in passato, ma quando c’è stato bisogno di ruggire, si sono fatti sentire. Basta prendere la qualificazione, arrivata nella terza mappa dell’ultima sfida nella coppa di qualificazione decisiva oppure la vittoria in scioltezza della scorsa settimana.

Il solito gioco, anche se con qualche difficoltà di troppo per vincere, hanno comunque mantenuto alte le aspettative intorno agli Elites. Come di consueto hanno le idee chiare su come muoversi e le vittorie facili delle qualificazioni, unita a quella sudata nel match inaugurale, ne hanno rafforzato le quotazioni.

Con queste premesse non c’è da stupirsi che la prima mappa abbia colto tutti di sorpresa, HSL in primis; Gli Elites sono stati davvero fenomenali, non lasciando spazi ed aggiudicandosi fino ad 11 round consecutivi in difesa per poi vincere de_train per 16-4. Necrogenesis e Bibu ancora una volta i mattatori, ma che tutto sembri funzionare alla perfezione lo dimostra jonyzera con un impressionante 100% di successo nelle Entry frag.

La serata è ancora lunga e quando c’è de_dust2 in programma, capisci che i leoni sono ancora in partita; complice un problema di connessione che ha costretto gli Elites a giocare in 4 per ben nove round, gli HSL con un facile 16-8 riportano la serie in parità.

Nella mappa decisiva, dopo una sfida piena di colpi di scena e con la stanchezza che inizia a farsi sentire, solo uno può uscirne vincitore. Con il risultato finale di 16-11 su de_nuke sono gli HSL i vincitori finali, che a questo punto possiamo quasi definire “colpiti dalla magia di de_nuke” (si erano qualificati vincendo proprio questa mappa).

Per gli Elites continua quindi una fase in leggero calo ma possono riprendersi bene in vista dei playoff distanti tre settimane. Diversa la situazione per gli HSL che continuano a migliorare ogni settimana e dopo aver rischiato si possono gustare la semifinale diretta.

Giocatore della serata Epic, che dopo aver più volte detto di non voler giocare più e con qualche dubbio della sua iniziale esclusione da questo team, da una bella lezione a tutti.

Sulla carta non c’era troppo entusiasmo per ExAequo vs eMMe, anche se era il match che decretava la prima eliminazione da questa edizione di ESL Vodafone Championship Spring 2020, con le potenzialità di entrambi che sembravano essere ben delineate.

Gli ExAequo si sono presentati ad inizio stagione con la consueta carica di chi sa di potersela giocare con i migliori e hanno giocato fino alla fine (vincendone alcuni) tutti i match in quello che è probabilmente definibile come “percorso più difficile” registrato fin qui.

La favola degli eMMe invece ha mostrato i primi limiti proprio nel match d’apertura del torneo, ma come si usa dire in questi casi “hai voluto la bicicletta? Pedala!”.

Si inizia su de_inferno e fin da subito si capisce che comunque gli eMMe vogliono vendere cara la pelle, con gli ExAequo che non riescono a prendere il largo ritrovandosi in alcuni momenti a dover inseguire. Una buona prima metà di partita in attacco per i panda, che però ora dovevano difendersi in una mappa nota per le distanze in cui il gioco di squadra fa la differenza; fine dei giochi? Piuttosto l’inizio di un nuovo cammino e con un piede vicino alla sconfitta, riescono a rimontare incanalando 9 round consecutivi (soltanto in uno di questo è stato necessario andare a disinnescare la bomba a testimonianza del dominio) vincendo per 16-13; menzione speciale a Tex, davvero una partita da urlo.

E’ chiaro a questo punto che sono saltati gli schemi ma per chi temeva in un calo di concentrazione, o forse eccesso di sicurezza da parte degli ExAequo, si sbagliava di grosso. La seconda mappa è a senso unico e perdendo solamente con le pistole, è un comodo 16-3 su de_nuke; un’altra terza mappa prenotata per la serata.

L’abitudine e l’esperienza maturata nel corso degli ultimi anni fanno la differenza su de_train con gli ExAequo che hanno ancora carburante da poter usare (è anche una mappa a loro generalmente congeniale); per gli eMMe iniziano a venire fuori segnali di stanchezza, le giocate individuali non sembrano avere più il solito impatto e la difesa è un colabrodo. Sarebbe bello vedere una rimonta ma ormai è tutto chiaro, gli ExAequo vincono 16-9 concludendo di fatto i giochi del girone A.

Gli eMMe sono riusciti a dimostrare che sulla mappa singola possono mettere in difficoltà anche avversari sulla carta più quotati, un peccato che proprio quest’anno si sia optato per un formato con solo Bo3 (si giocano tutti i match al meglio delle 3 mappe, in passato i gironi erano al meglio delle 2 con pareggio possibile); la loro avventura si ferma qui ma ci hanno sicuramente fatto divertire. Anche se con un brivido iniziale, non falliscono l’appuntamento con la vittoria gli ExAequo e ora in vista dei playoff devono rimanere concentrati per continuare il proprio viaggio verso un traguardo non così distante.

Giocatore della serata Luke con una media nelle tre mappe disputate di 97,27 di danno medio per round.

Non mancate quindi Giovedì prossimo l’appuntamento con ESL Vodafone Championship Spring 2020, con l’inizio ufficiale del girone B. In arrivo nuove storie ed emozioni che ci accompagneranno fino alla scoperta della composizione finale dei playoff!

Close Menu