EVC Brawl Stars Capitolo 4: la legge dell’“Out”

EVC Brawl Stars Capitolo 4: la legge dell’“Out”

Sia Outplayed che Outsiders sono le uniche squadre a punteggio pieno, comandando i rispettivi gironi con quattro vittorie su quattro: e gli avversari, adesso, iniziano a essere realmente distanti.

Giro di boa effettuato nel campionato italiano di Brawl Stars dell’ESL Vodafone Championship: la prima giornata del girone di ritorno certifica quanto visto finora cementificando i risultati già acquisiti. E quello che osserviamo fa paura. Perché le prime dei due rispettivi gironi, Outsiders e Outplayed, comandano senza apparenti ostacoli sulla propria strada: strada che potrebbe tranquillamente concludersi con sei vittorie su sei e 18 punti totali. Un risultato a cui mancano ancora due partite per essere raggiunto ma che fatichiamo a non immaginare più che plausibile. Outsiders e Outplayed, che condividono entrambe la radice “Out” nell’inizio della parola, sono a tutti gli effetti fuori dal campionato, nel senso che stanno disputando un torneo a parte che non fa altro che aumentare il desiderio di vederli uno contro l’altro. 

Statistiche simili: gli Outsiders hanno vinto per tre volte 2-0 e una volta 2-1, facendo addirittura meglio di quanto ottenuto nella Spring Season qualche mese fa, per un totale di 8 a 1 in termini di modalità vinte. Gli Outplayed, cambiato il roster, hanno alzato il livello rispetto allo scorso split, vincendo due volte 2-0 e due volte 2-1, per un totale di 8-2, e superando nel doppio scontro diretto i diretti concorrenti dei Mkers, gli unici in grado di potersela giocare con questi OP. La differenza, al momento, tra OP e OS sta negli avversari affrontati. Se gli Outplayed, come anticipato, hanno già giocato l’andata e il ritorno contro gli avversari più ostici del proprio girone, gli Outsiders hanno raggiunto i 12 punti giocando due volte contro i Qlash Forge, attualmente alla disperata, e alquanto improbabile, ricerca della salvezza, ma solo una contro gli Hmble e i Totem, le due che stanno lottando senza sosta per conquistare il secondo posto e che proprio una vittoria contro gli Outsiders, o anche una sola mappa in più conquistata rispetto all’avversario, potrebbe decidere per l’una o per l’altra. Per OP e OS la matematica non da ancora loro la certezza del primo posto: serve un’altra vittoria per essere sicuri di avanzare direttamente alle semifinali del Winner Bracket. 

Il big match tra Outplayed e Mkers è stato indubbiamente il più entusiasmante della giornata: una partita vissuta intensamente dal primo all’ultimo secondo dall’esito sempre incerto ma che alla fine sancisce la superiorità degli Outplayed, la seconda volta nell’arco di una settimana. Ai Mkers non resta altro che accontentarsi di essere la seconda forza del girone ma non solo: le prestazioni viste contro gli OP li candidano come la terza forza dell’intero campionato, forse l’unica squadra che potrebbe inserirsi nella lotta al titolo già annunciata tra Outplayed e Outsiders. Una dichiarazione potenzialmente vera ma che non ha ancora nessuna conferma ufficiale: perché a pari punti ci sono i Whatthefactory, forti del doppio confronto nell’arco di una settimana vinto contro le Manguste Esports: decisi, rinnovati, hanno dimostrato perché hanno meritato, e meritano, di stare nella massima serie italiana di Brawl Stars. Adesso pronti a giocarsi il tutto per tutto contro i Mkers. All’andata è finita 2-0 per i Mkers ma non è detto che la quinta giornata avrà lo stesso esito: a livello psicologico una squadra arriva da due sconfitte, un’altra da due vittorie.

Nel Girone A i Totem Esports hanno restituito il favore agli Hmble, seppur con un punteggio differente. Dopo il 2-0 Hmble di una settimana prima, i Totem si sono imposti nella quarta giornata per 2-0, pareggiando i conti almeno a livello di punti in classifica. Da una parte una neopromossa con un roster da potenziale candidata a vincere il campionato, gli Hmble; dall’altra i Totem che dopo la Spring Season si sono rimboccati le maniche e hanno presentato una squadra che può ambire a qualcosa di più della scorsa Top6. Serve però più costanza: contro gli Hmble i Totem hanno fatto vedere di soffrire i cali di concentrazione, di avere una soglia dell’attenzione non sempre al 100%. Contro gli Outsiders, tra due settimane, servirà essere perfetti. Gli Hmble, invece, dovranno essere perfetti già oggi per dimostrare di poter lottare per il titolo.